Progetto di educazione Assistita con Animali presso l’Asilo Nido “Il Flauto Magico” di Ceriale (SV) svoltosi nell’anno 2009/2010 con bambini nella norma.

Scopo del progetto: Come elemento facilitatore il cane può essere opportunamente impiegato per favorire l’inserimento dei bambini nel nuovo ambiente.

L’ambito scolastico è comunque nuovo , pieno di sollecitazioni e stimoli che vanno innanzitutto accettati e che quindi comportano un periodo di ambientamento , in cui il cane, “portatore sano di felicità”  (se opportunamente impiegato) può facilitare  l’aggancio positivo alla nuova situazione in cui il bambino si trova a sperimentare nuove esperienze (come appunto quello dell’asilo nido).

Il cane introduce situazioni giocose e non richiestive di capacità o prestazioni specifiche,  quindi può predisporre positivamente il bambino all’adattamento alla nuova situazione.

Attraverso il lavoro con l’animale si favorisce lo sviluppo delle capacità cognitive: infatti in presenza del cane è possibile osservare nei bambini l’attivazione di un forte interesse motivazionale che possiamo sfruttare nell’accompagnarli al raggiungimento delle tappe evolutive.

Obiettivi del progetto specifico: incremento delle capacità di concentrazione, facilitazione al dialogo e alla socializzazione (capacità di integrazione degli elementi della diversità), arricchimento del patrimonio lessicale, facilitazione di un adeguato sviluppo psicomotorio, aumento della sensibilizzazione e la responsabilizzazione nei confronti di altri esseri viventi,  sviluppo di una adeguata interazione bambino-animale, osservazione delle differenze quali dimensioni, forme e colori, stimolazione delle capacità sensoriali e motorie, incentivo alla partecipazione attiva ad attività di gruppo, incremento delle capacità di ascolto e di attenzione.

 

Metodologia di intervento: Per osservare meglio il comportamento è stato  scelto di dividere i bambini  in due gruppi: al primo appartengono i bambini dagli 1 a 2 anni, al secondo quelli dai 2 ai 3 anni.

Gli incontri sono stati bimensili , i bambini sono stati suddivisi in piccoli gruppi di due al massimo tre , ogni gruppo lavorava per circa 15 min. ciascuno. I cani erano tre per gruppo e lavoravano contemporaneamente.

Il lavoro è stato effettuato dagli operatori di pet therapy psicomotoria in compresenza delle educatrici dell’asilo e della Psicologa.

Risultati del progetto: in entrambi i gruppi si sono osservati miglioramenti nella partecipazione attiva e delle competenze relazionali, comunicativo-linguistiche e cognitive sia tra bambini, sia con gli operatori, sia con i cani, facilitando l’inserimento all’asilo dei nuovi bambini e delle capacità di socializzazione di quelli già inseriti.

COMUNICAZIONE IMPORTANTE

Si rende noto che l’Associazione Italiana Pet Therapy - Società Cooperativa Sociale, in persona dell’amministratore unico, Sig.ra Alba Castellani,con sede in Silvano D’Orba (Al), Regione Bessica 3,ha assorbito a tutti gli effetti il nome, il logo e le attività svolte dall’omonima Associazione Italiana Pet Therapy (nata come Associazione di Volontariato nel 2002, con Presidente Spartia Piccinno, C.F. 95077820108 e Partita Iva 01621530995), Associazione sospesa nelle sue attività all’apertura della Cooperativa nel luglio 2011. Pertanto le Associazioni declinano ogni responsabilità penale civile e amministrativa per l'operato di...ALTRI, a qualsiasi titolo, non riconosciuti né autorizzatidalla Cooperativa e dall'Associazione Italiana Pet Therapysopra indicata con presidente Spartia Piccinno.

 

© 2017 Pet Therapy Italia